Un lavoro della classe 3A 2019-20

Cari genitori, i vostri ragazzi hanno dimostrato in questi difficili mesi di saper reagire con forza e determinazione, senza lasciarsi spaventare e abbattere.
Insieme abbiamo cercato di trovare nelle singole giornate la positività e la bellezza, lasciando spazio al sentimento e agli affetti di ciascuno.
 
Sono orgogliosa, pertanto, di condividere con voi questa raccolta di poesie ricche di vita e di colori, sperando che possano condurvi in un viaggio nelle emozioni e nei ricordi, guidati dalle parole sapienti dei vostri figli, come è successo a me leggendole.
Alessandra Battaglia
Haiku sulle emozioni

Un lavoro della classe 3B 2019-20

Cari genitori, i vostri ragazzi, come sempre ci stupiscono e ci danno motivazioni per essere orgogliosi di loro. Durante questo periodo difficile, abbiamo letto i capolavori di uomini che hanno vissuto periodi ben più duri e hanno trovato conforto in loro stessi e nella solidarietà. 
Tra uomini hanno cercato di unirsi per fare fronte comune per salvarsi dai pericoli che la vita proponeva loro ogni giorno.
Anche la III B si è lasciata toccare il cuore dalle parole dei grandi e ha provato a fare altrettanto per esprimere quanto sentiva dentro.
 
 
Ve lo condividiamo affinché anche voi possiate entrare nel mondo oscuro e profondo degli adolescenti che avete tutti i giorni intorno: i vostri figli e i loro coetanei.
Speriamo questo lavoro smuova le corde del vostro cuore come ha fatto vibrare il mio.
Elisa Abrigo 
 
 

Facce da lattina

Ci teniamo a condividere con tutti voi le meravigliose "opere d'arte " che hanno creato i ragazzi cogliendo la sfida lanciata nel cortile digitale del sabato! Si trattava di riprodurre un personaggio famoso con oggetti che si potevano trovare in casa. Alcune interpretazioni sono davvero spassose... Facce da lattina

Petit Onze

Il Petit Onze, è una struttura poetica caratterizzata da 1 – 2 – 3 – 4 – 1 parole, per un totale di 11. Una composizione breve di origine europea, la cui origine viene attribuita alla scuola del poeta e scrittore surrealista francese André Breton (1896-1966). In francese ONZE = undici, dunque "piccolo undici”. L'idea del poeta era quella di poter costruire un "albero" di parole: se si scrivono le parole al centro del foglio, in alto una, procedendo oltre due, tre e quattro, concludendo sempre con una sola parola, si ha un piccolo albero di parole col tronco.    
 
Questo è il risultato di un lavoro prodotto dalle due terze:  piccoli poemi dove i ragazzi hanno espresso  le loro paure, ma anche le loro speranze.